La Turchia ha un nuovo primo ministro: si chiama Binali Yildrim, classe ’55, ed è il terzo segretario dell’Akp, il partito del Presidente Erdogan, a ricoprire questa carica. Yildrim succede a Davutoglu, dimissionario, ed è una scelta fortemente indirizzata da Erdogan che nel nativo di Erzincan troverà terreno fertile per portare avanti le sue due battaglie: islamizzazione della Turchia (contro la quale già ci sono state nel paese molte manifestazioni) e presidenzialismo.

Yildrim è infatti uno dei “fedelissimi” di Erdogan e sarà di certo più facile per il Presidente turco – rispetto a quanto accadeva con Davutoglu, poter gestire anche il governo. Yildrim è tristemente noto per una sua singolare battaglia: ad inizio 2014 tentò di rendere inaccessibili in Turchia si Youtube che Twitter.