Dopo l’annuncio di Obama al Congresso degli Stati Uniti di limitare l’uso delle armi, arriva la risposta del repubblicano Donald Trump. In New Hampshire, durante un comizio, dove si svolgeranno le primarie il prossimo 9 febbraio Trump ha dichiarato: “Il Secondo emendamento è troppo importante, non ci toglieranno le nostre armi”. E in più ha aggiunto che il presidente Obama ha raggirato il Congresso essendo quest’ultimo contrario alle misure di controllo sgradite alle lobby delle armi.

Duri attacchi arrivano anche dai fornitori delle armi, in particolare dalla National Rfle association, la più grande associazione di armi da fuoco che risponde al presidente Obama (nell’ultimo anno del suo mandato) in questo modo: “Non consentiremo che i proprietari di armi rispettosi della legge diventino un capro espiatorio per il fallimento delle politiche del presidente Obama”