Chiara Appendino, sindaca di Torino, ha pagato di tasca sua il brindisi coi dipendenti del Comune, aperto quest’anno a tutti i circa 10mila impiegati. A differenza degli scorsi anni, quando il brindisi era riservato a un più ristretto circolo di dirigenti.

Tremila euro in panettoni e spumante, questo l’ammontare della spesa della Appendino che ha tenuto a salutare personalmente gran parte dei quasi 1500 dipendenti accorsi alla festicciola. La Appendino, esponente del Movimento 5 Stelle, ha parlato in più riprese di professionalità, competenza e – soprattutto – sul significato di comunità. Significato legato a doppio filo a quello di umanità e di comprensione dell’importanza di lavorare per un ente pubblico.

Significati solo all’apparenza semplici ma che per anni non sono appartenuti ai politici e ai funzionari della cosa pubblica.