Ieri era arrivata la proposta (per molti una provocazione) di Silvio Berlusconi: scegliere Luca Zaia, governatore del Veneto, come leader del centrodestra in vista delle future elezioni. Per l’ex Cavaliere, Zaia sarebbe uno dei pochi capaci di compattare tutto il centrodestra, anche grazie al buon lavoro che svolge nella sua attuale carica.

Lo stesso Zaia, però, aveva subito rifiutato l’investitura: “Noi della Lega Nord abbiamo già un candidato ed è Matteo Salvini. Governare una regione non è semplice e richiede dedizione e impegno quotidiano. Non ci lasceremo distrarre”. Oggi è lo stesso segretario del partito padano ad attaccare l’uscita pubblica di Berlusconi: “Ha idee vecchie di settant’anni. C’è gente che vuole mettere zizzania tra di noi, ma siamo compatti. Non come altri partiti. Scissione interna alla Lega? Non siamo il PD”.