Oggi a Palermo c’è stata la commemorazione di Piersanti Mattarella. Ucciso nel 1980 da cosa nostra durante il suo mandato di governatore della Regione Sicilia. Il presidente della commissione antimafia Rosy Bindi lo ricorda a 36 anni dalla sua drammatica fine: “Ricordare Piersanti Mattarella è fare memoria di un martire della nostra democrazia che ha dato la vita per il rinnovamento della politica e il riscatto della sua Sicilia”.

Rosy Bindi ha proseguito così: “Piersanti è stato un innovatore lungimirante e rigoroso, che seppe coniugare dimensione etica della politica, visione strategica e capacità di governo della cosa pubblica. La sua azione rappresentò una sfida intollerabile per Cosa Nostra e il potere mafioso che prospera dove la politica è debole, asservita agli interessi di pochi”.