Di Maio però non fa previsioni sulle percentuali di voto, Grillo: “Siamo nella fase adulta del Movimento”.

Arrivano parole importanti da Luigi Di Maio: il candidato premier del M5S non si sbilancia sulle percentuali di voto, ma su una cosa è sicuro. Ecco le sue parole dette di sfuggita mentre entra al Viminale per consegnare il simbolo del M5S insieme a Beppe Grillo e Davide Casaleggio: “Sarò il simbolo della prima forza politica”.

E proprio Grillo si lascia andare a parole di grande soddisfazione:”Siamo nella fase adulta del Movimento, guardateli quanto sono belli. In caso di vittoria quello del Movimento 5 Stelle sarà un governo tecnico-politico, dietro a un politico c’è sempre un tecnico. Se faremo le alleanze, anche con il Pd? Sono domande senza senso, è come dire che un giorno un panda può mangiare carne cruda. Noi mangiamo solo cuore di bamboo”.

Grillo parla anche della proposta di Silvio Berlusconi di nominare Matteo Salvini al Viminale in caso di governo a guida centrodestra: “E’ come l’inizio di un capitolo di fantascienza”. Intanto però arrivano i primi cambiamenti in seno al M5S in vista delle elezioni: rispetto alle Politiche del 2013 il simbolo sarà diverso. Nel logo del Movimento ora c’è la scritta “ilblogdellestelle.it”, in sostituzione di www.movimento5stelle.it, cambio che segna il distacco del movimento dal blog di Grillo.

Di Maio ha dunque presentato il simbolo del Movimento, ma è dovuto poi tornare improvvisamente al Viminale avvisato dal senatore Vito Crimi: c’era un piccolo problema della documentazione allegata al deposito dei contrassegni elettorali. Probabilmente mancava una firma sui documenti.

Così Di Maio è tornato indietro e ha risolto la situazione.