Non si può passare più di una settimana senza riferire qualche iniziativa che parta dalla Regione Lombardia e che vada a toccare il mondo del gioco d’azzardo lecito e quello dei migliori siti di casino online: era già qualche giorno che Viviana Beccalossi, paladina indiscussa del “no azzardo no slot”, non faceva parlare di sé e di qualche suo percorso per portare messaggi di sensibilizzazione nei confronti dell’abuso del gioco d’azzardo. Questa volta, forse, si é superata ed ha dato il via ad una campagna sui treni e nelle stazioni.

Quindi, la campagna per il contrasto al gioco patologico arriva anche nelle stazioni dei treni, come detto, grazie ad una iniziativa presentata a Milano che ruota attorno all’immagine di un asso di cuori spezzato ed allo slogan “Non giocarti gli affetti”, promossa in collaborazione con Trenord. L’Assessore regionale al Territorio, Viviana Beccalossi, sottolinea che i viaggiatori lombardi potranno trovare lo slogan sui treni e nelle biglietterie, ma anche in tantissimi esercizi pubblici in tutta la regione. Il tutto sarà sostenuto anche da regalini, magliette e mezzi di comunicazione in modo da entrare proprio in “contatto fisico” con i viaggiatori e portare così un contenuto che possa ricordare e collegarsi alla campagna.

Bisogna dire che questo Assessore, a torto od a ragione, ce la sta mettendo tutta per mettere in ginocchio il gioco e cercare di farlo espellere dalla Regione Lombardia con che risultati, però, non é dato conoscere sopratutto riguardo alla loro positività. Si continua a ribadire, e “ci piace” sottolinearlo ancora una volta, che nelle Regioni dove viene applicato il proibizionismo “pesante”, come a Bolzano e provincia e come proprio della Regione Lombardia, non vi é stata una diminuzione del gioco patologico così sensibile, anzi…
Così, si vuole per correttezza trasmettere ai più, i dati che Viviana Beccalossi ha comunicato all’inizio di questa ulteriore campagna contro il gioco d’azzardo e contro i casino online: la Lombardia ha preso in carico migliaia di pazienti che si possono curare nelle strutture apposite e si sa, però, che il fenomeno é ancora per la maggior parte dei casi sommerso. Gli italiani che giocano sembrano essere oltre 20milioni ed una ricerca effettuata tra i giovani studenti delle medie inferiori e superiori, dice che il 16% degli studenti, almeno una volta alla settimana, spende danaro per le slot machine, ma non se ne precisa l’entità, quindi si può andare dai 50 cent a qualcosa in più! Gettonati dai giovani anche le scommesse sportive ed i gratta&vinci.

Si passa ora a rendere noti i numeri della campagna: sono stati realizzati 5500 appendini per i treni, 10mila cartoline presso le biglietterie ed un video informativo che dura trenta secondi che verrà trasmesso in rotazione sul circuito Trenord. Sono anche state stampate 180mila cartoline che verranno distribuite nei locali pubblici di tutta la Regione. In più, oltre a questa sensibilizzazione nei confronti dei cittadini, la campagna si rivolge anche agli esercenti e sono state per questo realizzate 100mila brochure, di cui 15mila in lingua cinese, contenenti le principali norme previste dalla legge regionale ed i relativi regolamenti che devono essere seguiti.

L’assessore rende anche noto che il prossimo anno si impegnerà ulteriormente, con ancora più veemenza, nei confronti del gioco d’azzardo e metterà in atto altre campagne per la tutela del “suo” territorio per vedere il gioco, senza se e senza ma, uscire definitivamente dalle vite quotidiane anche di chi il gioco lo ama, con il gioco si diverte e che in ogni caso lo cercherà.