In un’intervista a Der Spiegel, il vice-cancelliere tedesco Sigmar Gabriel ha attaccato duramente Angela Merkel e la ferrea politica di rigore economica imposta dall’UE a tutti i Paesi dell’Unione.

“Gli sforzi di diversi paesi, come Francia e Italia, di ridurre i loro deficit hanno aperto la strada a rischi politici enormi. Tempo fa ho chiesto alla cancelliera cosa preferisse tra un mezzo punto di percentuale di deficit concesso alla Francia, o avere Marine Le Pen all’Eliseo: non ho ancora ricevuto risposta”, le parole durissime del leader dei socialdemocratici che poi ha continuato: “Mai come ora non è impensabile una spaccatura dell’Unione Europea. E se mai dovesse accadere, le generazioni che ci seguiranno non ce lo perdoneranno mai: siamo noi a trarre più vantaggi, economici e politici, dall’UE”.