Arrivano i rimi aggiornamenti sul bollo auto 2018: ecco quello che c’è da sapere.

Ci sono molte news che riguardano il bollo auto 2018 e che interesseranno dal 1 dicembre 2017 molte categorie di automobilisti. In primis ecco l’esenzione dei veicoli ibridi con una potenza inferiore ai 100KW: chi possiede un’auto ibrida immatricolata a maggio 2015 dovrà pagarlo nei mesi di aprile 2016, 2017 e 2018, ma sarà esentato per il biennio 2019 e 2020.

Invece, un veicolo ibrido con meno di 100KW immatricolato a dicembre 2017 beneficerà di esenzione. Questo per quanto riguarda la regione Piemonte. Ma arrivano anche altre novità: potrà richiedere l’esenzione chi è disabile. Chi è coperto dalla legge 104 non dovrà pagare il bollo: dunque qui utilizza un veicolo per prestare cure al proprio caro invalido non lo pagherà.

Questo a patto che l’intestatario della vettura sia il disabile stesso, anche se poi ad utilizzarla effettivamente è il parente. Può intestarla il parente stesso solo se il suo reddito annuo è pari o inferiore a 2840,51 euro.

Tuttavia bisogna precisare che il reddito succitato non conta per i pensionati sociali e per le pensioni erogate a ciechi, sordi e invalidi civili. Cosa molto importante: l’esenzione dal bollo può essere applicata ad un solo veicolo. Affinchè la richiesta sia valida, è necessario inviare i documenti 90 giorni prima della scadenza del bollo stesso.

Ma quali documenti sono richiesti per la richiesta di esenzione? Fotocopia patente speciale, fotocopia carta di circolazione e due copie della propria carta d’identità (o qualsiasi altro documento di riconoscimento). Attenzione però: se nel corso degli anni passati non sono state pagate alcune tasse sul bollo, c’è il rischio concreto che si debbano pagare tutti gli arretrati.