Bollette ogni 28 giorni: arriva un nuovo emendamento che ripristina la fatturazione mensile. Novità anche per gli studenti universitari e transfrontalieri.

E’ di ieri la decisione della commissione Bilancio del Senato, che ha esaminato il decreto legge Fisco approvando una proposta del Pd: stop alle bollette ogni 28 giorni per quanto riguarda “imprese telefoniche, televisive e per servizi di comunicazione elettronica“. Esclusi luce e gas, dal momento che “i costi sono vincolati ai consumi“.

Gli operatori avranno “120 giorni per adeguarsi“, tradotto: due mesi per ritornare alle fatture mensili. Ma non è finita qui, perchè ieri sul fronte fiscale ci sono state diverse novità: è stata introdotta una detrazione per alimenti a fini medici speciali (per i soggetti con malattie metaboliche congenite, diabetici e celiaci).

E’ passata anche la sanatoria per gli ex residenti all’estero e transfrontalieri che avranno il diritto di mettersi in regola sulle somme nascoste fuori dai confini nazionali versando il “3% del valore delle attività e della giacenza al 31 dicembre 2016 a titolo di imposte, sanzioni e interessi“.

Ci sono anche buone notizie per i terremotati del Centro Italia: sono state infatti sospese le rate dei mutui sulle prime case e sulle attività distrutte o comunque inagibili fino al 31 dicembre 2020. Vi ricordate la vicenda di nonna Peppina: la 95enne di San Martino di Fiastra era stata sfrattata dalla sua casetta di legno, dal momento che era priva di licenza edilizia. Tuttavia anche qui ha agito una sanatoria: l’emendamento prevede che le case in edilizia libera non possano più essere rimosse se prima non viene assegnata una soluzione abitativa d’emergenza.

In ultima analisi, ecco anche una detrazione sugli affitti per gli studenti universitari. Il provvedimento arriverà oggi in Aula per l’esame finale: dovrebbe essere approvato entro venerdì.