Con la presenza di Graziano Delrio, ministro dei trasporti, è stata ufficialmente inaugurata la nuova A2, l’Autostrada del Mediterraneo ormai ex Salerno-Reggio Calabria. 55 anni dopo l’inizio dei lavori, è stato chiuso un cantiere che per anni è stato il simbolo dell’inefficienza italiana, macchiata anche dalle infiltrazioni mafiose che hanno reso quasi una caricatura ogni proclama del politico di turno.

“Deve essere il simbolo di un Sud onesto e pulito”, queste le parole di Delrio che ha parlato coi giornalisti su un bus che ha percorso la rete autostradale di oltre 400 km. L’occasione che ha spinto quella che può trattarsi di una vera e propria inaugurazione è la fine dei lavori nella Galleria Laria (Cosenza), col tratto riaperto alla viabilità. Le parole del ministro, comunque, sono state duramente attaccate da diversi esponenti di Forza Italia che sottolineano come ci siano ancora diversi tratti con restringimenti e deviazioni.